Previste nuove assunzioni nella scuola d’infanzia 2017

marzo 29th, 2017 | by Redazione
Previste nuove assunzioni nella scuola d’infanzia 2017
Concorso docenti
3

Resta ancora da risolvere in maniera definitiva la problematica che colpisce numerosi docenti in attesa di nomina; questo per rispondere alle rivendicazioni della legge 107 che vuole stabilizzare la situazione di tutti i docenti storici delle graduatorie ad esaurimento e di mettere inoltre fine alla condizione di precariato prolungato.

Nel corso del 2017 si sono aperti degli scenari più possibilistici per i docenti, grazie alle nuove assunzioni nella scuola d’infanzia; questo passo deve però essere attuato concretamente per favorire il potenziamento del mondo dell’infanzia. Si tratta di aspetti strettamente interconnessi anche se per lungo tempo sono stati trascurati, alimentando la situazione di precariato degli insegnanti italiani.

Nuove assunzioni nella scuola d’infanzia per dare certezza a famiglie e bambini

Sono indispensabili nuove assunzioni nella scuola d’infanzia 2017 nel breve termine. Questo è fondamentale per:

  • – evitare il pericolo del precariato;
  • – risolvere la carenza di personale nella scuola dell’infanzia e la mancanza di educatori del nido a causa dell’aumento delle iscrizioni di bambini;
  • – favorire il buon esito della riforma della scuola dell’infanzia (decreto 0-6).

assunzioni nella scuola dell'infanziaPer contrastare il fenomeno del continuo spostamento delle educatrici da un istituto ad un altro – privando le famiglie ed i bambini di una base di stabilità – è necessario procedere con il potenziamento della scuola dell’infanzia. È un aspetto previsto dalla legge 107, attraverso l’attuazione di nuove assunzioni nella scuola d’infanzia già a partire dall’anno 2017 con la nomina di circa 20-25mila docenti.

L’importante è che si tratti di assunzioni stabili, per poter contrastare efficacemente gli ordini di servizio che spostano il personale da una scuola all’altra, responsabili dei disagi non solo agli insegnanti ma anche alle famiglie italiane ed ai bambini che nei primi anni di crescita hanno bisogno di stabilità. Le novità per gli insegnanti invocate dall’associazione sindacale Anief focalizzano l’attenzione sulla copertura di circa 16 mila posti di potenziamento nell’organico delle scuole; in particolare, è necessario predisporre nuove assunzioni nella scuola d’infanzia; la richiesta di insegnamento, infatti, è molto più alta dell’offerta in questo settore dell’istruzione italiana. Bisogna, inoltre, favorire l’assunzione di nuovo personale per contrastare i vuoti di organico finora coperti da:

  • – personale interinale;
  • – educatori;
  • – insegnanti assunti a tempo determinato.

Ma cosa pensano le mamme italiane in merito alle nuove assunzioni nella scuola d’infanzia? La scuola dell’infanzia potrà beneficiare in questo modo di una maggiore stabilità? Che risvolti ci si attende dall’attuazione della riforma della scuola dell’infanzia 0-6 anni?

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. ROSALBA says:

    che vergogna non prevedere assunzioni proprio nell’infanzia. I bambini sono senza maestre e lo Stato ha escluso le docenti dell’infanzia dal piano di assunzioni. URGE POTENZIAMENTO PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA

  2. Titan says:

    Le scuole di infanzia necessitano di nuove assunzioni e l emendamento Santini presentato oggi potrebbe aprire una strada in questo senso.

  3. Christian0 says:

    La cosiddetta Ape sociale pensione anticipata senza costi per chi deve usufruirne – sar applicata anche agli insegnanti della scuola dell infanzia e agli educatori degli asili nido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *